Press enter to see results or esc to cancel.

Come riordinare la casa con il metodo Konmari

Il metodo Konmari, spiegato nel libro Il magico potere del riordino di Marie Kondo, insegna a liberarsi delle cose superflue e a riordinare la casa una volta per sempre. Facendo un “riordino eccezionale” completo e in un tempo ragionevolmente breve non avrai più bisogno di sessioni impegnative di decluttering e non rischierai l’effetto boomerang, cioè di tornare prima o poi a una situazione di disordine.

Il metodo Konmari funziona! È passata una settimana da quando ho letto il libro e ho iniziato il mio “riordino eccezionale”, riuscendo a buttare una quantità notevole di cose nonostante negli ultimi tempi avessi già fatto parecchio.

Vuoi provarci anche tu? Ecco alcuni dei consigli di Marie Kondo:

La magia del metodo
Il metodo Konmari ti farà scattare la molla per iniziare ad eliminare il superfluo, attraverso queste due indicazioni:

Pensa all’ideale di vita a cui aspiri
A volte teniamo delle cose per anni, pur sapendo che non le useremo mai perché non rappresentano più quello che siamo diventati o che vogliamo essere. Io ho trovato dei capi di abbigliamento che avevo dai tempi dell’università, mi è sembrato incredibile eppure erano proprio lì, tenuti benino o male, ma sempre lì vent’anni dopo! Ho eliminato anche delle cose comprate d’impulso che non mi avevano mai convinto.

Tieni solo ciò che ti regala un’emozione
Questa indicazione l’ho usata al contrario, eliminando le cose legate a un brutto periodo o regalate da qualcuno che non voglio ricordare! (buttate se rovinate, regalate se ancora belle).

image

Riordina per categorie
Secondo il metodo Konmari spiegato nel libro si riordina per categoria (e non per stanza), seguendo questo ordine: Abbigliamento, Libri, Carte, Oggetti misti, Ricordi.
Se si hanno tante cose si procede per sotto categorie, quindi ad esempio magliette, gonne, pantaloni, ecc.
Effettivamente funziona meglio rispetto a riordinare per stanza, per due motivi:
– avendo sott’occhio tutte le cose della stessa categoria vai meglio a decidere cosa tenere e cosa buttare, tutto in una volta
– quando finisci di sistemare una categoria inizi a sperimentare un “magico” senso di liberazione che ti fa stare bene e ti aiuta ad andare avanti con il resto del lavoro

Tocca con mano!
Secondo il metodo Konmari, devi radunare tutte le cose di una categoria, metterle su pavimento e iniziare ad esaminarle una ad una.
Se non ti piace l’idea di mettere le cose per terra puoi appoggiarle sul letto, importante però è tenere in mano ogni oggetto e provarlo, perché guardarlo da dentro l’armadio non è la stessa cosa. Sembra un’indicazione scontata, soprattutto per l’abbigliamento, ma in effetti provando tutto, anche cose che mi piacevano molto e che mai avrei pensato di buttare, ho avuto delle sorprese, ad esempio perché stranamente non mi ci vedevo più, oppure non mi davano una bella sensazione.

Prima di andare avanti, finisci di buttare tutto
Questa indicazione ha il suo senso perché solo alla fine potrai avere il quadro completo delle cose che hai e dello spazio in cui sistemarle.
Inoltre, lo stesso processo di eliminare il superfluo avrà un effetto su di te, su come ti sentirai e sul tuo modo di pensare, quindi meglio riordinare tutto alla fine.

Fare spazio non è la chiave per buttare
A volte si inizia a sistemare e buttare perché non si sopporta più di avere la casa sommersa di cose, di non trovare mai nulla e fare fatica a tenere in ordine. In questi giorni ho riflettuto sulla questione dello spazio, dato che sono riuscita a buttare molto e ho guadagnato parecchio spazio negli armadi. Quello che fa stare bene non è tanto lo spazio in più, sicuramente utile, ma sapere di avere vicino solo le cose che piacciono e fanno stare bene.

Se vuoi provare anche tu la magia del metodo Konmari per riordinare la casa acquista subito il libro online, con me ha fatto miracoli! Lo trovi su Amazon in edizione cartacea o Kindle.

Potrebbe interessarti anche:
Come gestire le spese di casa con il Kakebo
Come imparare l’arte del riordino

Comments

2 Comments

Melting Pot Reloaded

Ho letto recentemente il libro e vorrei applicarlo alla casa dei miei genitori. Mi piacerebbe sapere da quanti anni vivevi nella stessa casa prima di fare quest’esperienza e se avevi mai fatto qualcosa di simile in passato? Inoltre, visto che ormai è passato un pò di tempo, vorrei sapere se hai avuto bisogno di ripetere il processo. Grazie in anticipo!

Lucia

Ho letto Il magico potere del riordino in ottobre 2014 e iniziato subito a riordinare. Vivevo lì in affitto da circa un anno e mezzo, dopo un trasloco fatto di fretta e con ancora tante cose doppie mie e di mio marito che prima vivevamo ognuno per conto proprio.
Non sono mai stata brava a eliminare e in passato cercavo di approfittare dei momenti in cui mi sentivo ispirata, ma non facevo granché in realtà.

Dopo aver letto il libro è stato proprio questo il cambiamento maggiore, oltre a darmi un metodo mi ha fatto vedere le cose sotto un altro punto di vista e mi ha fatto scattare il vero click. Tieni conto che non avendo cambiato mai taglia avevo anche vestiti di 20 anni prima che ovviamente non mettevo più da anni ma in teoria mi andavano ancora bene e mi dispiaceva eliminarli!

Non ti posso dire che poi tutto rimarrà magicamente in ordine per sempre, tra l’altro dopo circa un anno ho traslocato di nuovo e ho avuto il terzo bimbo quindi più complessità e ancora meno tempo per mantenere l’ordine, però gli effetti del cambiamento si sentono ancora, in particolare per due motivi: 1. avendo meno cose e sistemate bene, riordinare è molto più veloce, 2. una volta fatta l’esperienza del riordino, effettivamente diventa più difficile accumulare perché ormai hai imparato come funziona e quindi ad esempio sei più attento negli acquisti, regali subito una cosa appena non ti serve più, ecc.

In bocca al lupo!


Leave a Comment

Sono progetti di maneiro.co 2014 - 2018 | IT04145570265