Nell’inverno del 2013 sono andato in Venezuela con la mia nuova famiglia per la prima volta. Mentre ci organizzavamo per andare, volevamo portare dei prodotti alimentari e poi preparare a Caracas qualche bella cena insieme ai parenti.

Tra le cose che volevamo preparare c’era il tiramisù, sapevo che sarebbe stato difficile (oppure molto costoso) trovare il mascarpone in Venezuela e non volevamo fare il tiramisù con il philadelphia, non è la stessa cosa.

Allora abbiamo cercato di riprodurre il mascarpone a casa partendo dalla panna di latte (crema de leche in spagnolo) o addirittura dallo stesso latte intero.

Ecco come fare il mascarpone in casa, il risultato è davvero ottimo.

Come fare il mascarpone in casa: gli ingredienti

Ingredienti per fare il mascarpone in casa:

  • 500 ml di panna
  • 7 ml di succo di limone

Utensili necessari:

  • Termometro per uso alimentare
  • Colino capiente
  • Frustino
  • Casseruola
  • Canovaccio
  • Recipiente tipo vaso

Come fare il mascarpone in casa: la procedura

  • Riscalda la panna a fuoco lento. È importante mescolare sempre e stare attenti alla temperatura, non deve superare gli 85°C.
  • Una volta raggiunta la temperatura ideale, spegni il fuoco e aggiungi lentamente il succo di limone continuando a mescolare. La panna diventerà sempre più densa.
  • Lascia riposare per 15-20 minuti lontano dal fuoco.
  • Prendi un canovaccio e crea una sacca all’interno di un recipiente tipo un vaso, lasciando dello spazio nel fondo per il liquido che scolerà dalla panna.
  • Versa la panna lentamente senza premere, fissa il canovaccio ai bordi, copri il recipiente con la pellicola trasparente e metti in frigo per 12 ore.
  • Trascorse le 12 ore troverai nel fondo il siero e nella sacca il mascarpone.
  • Versalo in un recipiente che possa essere coperto e utilizzalo il prima possibile, ricorda che sono prodotti molto delicati da conservare.

Per provarlo ho preparato quello che ho chiamato dopo il Tiramisù Reale: mascarpone fatto in casa, pan di Spagna fatto in casa al posto dei savoiardi, uove fresche delle galline del mio amico Tarcisio, cacao amaro venezuelano, caffè italiano (il migliore al mondo) e zucchero di canna del Perù. Lo so, non è il tiramisù originale ma credimi, era buonissimo.

Purtroppo in Venezuela ho dovuto prepararlo lo stesso con il Philadelphia perché non sono riuscito a trovare la panna da cucina come quella che si usa in Italia, ma data l’aria tropicale che c’è a Caracas non era per niente male il tocco di sale che il Philadelphia dà al tiramisù.