I vecchi autoritratti dei famosi pittori sono i primi selfie. Mentre cercavo del materiale per scrivere questo post su come scattare il selfie perfetto ho ricordato che nel lontano 2008, mia moglie a Roma ha scattato un selfie con dietro il Colosseo, troveremo le prove!

Una volta ci vergognavamo degli autoscatti e non pubblicavamo le foto con noi in primo piano. A volte basta dare un nome diverso e le cose cambiano all’improvviso: “selfie”. Penso che i selfie siano un modo per mostrare la nostra visione del mondo, il nostro vero mondo rimane ancora altro, uno ancora più privato impossibile da fotografare.

Non vi annoierò dicendo di stare attenti alla luce, a quello che avete dietro, ecc, ecc, regole che a mio avviso sono naturali quando ci “selfiamo”. I selfie non sono fotografie perfette, sono fotografie di un momento vissuto.

Questo trucco però vale solo per gli iPhone.

Ecco come si fa: prendete l’iPhone con la mano destra (e da questo si capisce che l’iPhone non è stato pensato al 100% per i mancini) con la camera posteriore verso di voi. Avete il pulsante (+) in alto, la lente sotto e la mela tra la lente e la mano (se usate le cover che hanno il buco per la mela).

Ecco il trucco, allungate il braccio verso l’alto e provate a cercare il vostro naso nella mela dell’iPhone. Scattate la foto e guardate che inquadratura perfetta!

Potete giocare spostando di poco il telefono per inquadrare più paesaggio a destra o sinistra, sono belle le inquadrature dove sembriamo scappare dalla foto. Se il selfie è di gruppo e il fotografo sei tu, vale lo stesso il trucco, posiziona il gruppo alla tua sinistra e ruota il telefono un po’ verso l’esterno.

Buon selfie!!