Ti piace viaggiare o devi spostarti in aereo per motivi personali, ma il pensiero di dover viaggiare con un neonato o un bambino piccolo per la prima volta ti fa passare la voglia?

Fare un viaggio in aereo con neonati o bimbi piccoli è impegnativo, ma ci sono alcuni accorgimenti che potranno aiutarti a rendere il volo meno pesante.

Di seguito puoi trovare alcuni consigli per gestire al meglio il primo viaggio in aereo con il tuo bambino.

Come viaggiare in aereo con neonati e bambini piccoli

Il posto per bambini con meno di due anni

I bambini sotto ai due anni di solito hanno una tariffa agevolata ma non viene assegnato loro un posto a sedere. Dovranno quindi stare in braccio, in particolare durante il decollo e l’atterraggio, quando ti verrà data una cintura per il bambino da agganciare alla tua.

Se possibile, prenota in anticipo dei posti in una fila comoda con più spazio per le gambe, o almeno un posto corridoio in modo da poterti muovere più facilmente durante il volo per andare a cambiare il piccolo, cullarlo in braccio o fargli fare due passi se è più grandino.

Nel caso di voli lunghi, se il bimbo pesa meno di 10-12 chili puoi prenotare una culletta tramite il call center della compagnia aerea, in cui il bimbo potrà comodamente dormire durante il viaggio. Ricordati di farlo prima possibile perché i posti sono limitati. Anche quando non dormirà, sarà comunque molto comodo avere uno spazio in più per le varie cose che ti servono, inoltre i posti con le cullette sono quelli nella prima fila, con più spazio davanti per muoversi.

Il passeggino: imbarcarlo oppure no

Puoi decidere di imbarcare il passeggino insieme agli altri bagagli, oppure di portarlo con te fino a bordo dell’aereo (solo se hai un passeggino con chiusura ad ombrello, senza seduta staccabile). In questo caso, il passeggino ti verrà riconsegnato prima di scendere.

Questa soluzione è molto comoda perché potrai usare il passeggino in aeroporto mentre aspetti l’imbarco o ti sposti per prendere un secondo volo, evitando di stancarti la schiena tenendo il bambino in braccio e magari dando anche la possibilità al piccolo di schiacciare un pisolino!

In alternativa, se il bambino è ancora piccolino, puoi portare il marsupio o la fascia, che ti aiuteranno a tenerlo più comodamente in braccio per tante ore.

L’imbarco

Nella maggior parte dei paesi è previsto l’imbarco prioritario per chi viaggia con bambini. Se non è previsto, prova comunque a chiederlo (tentar non nuoce e a volte funziona!).

Il cambio pannolino in aeroporto e in aereo

Per cambiare il bimbo nel bagno dell’aereo, oltre alle salviettine e ai pannolini ricorda di portare un paio di telini impermeabili, da appoggiare sulla superficie.

Porta anche un paio di cambi per il bimbo e uno per te, soprattutto se il bimbo è piccolo (e quindi sei a “rischio rigurgitino”!).

Mangiare a bordo

Se il bimbo prende il latte artificiale puoi leggere le indicazioni su Come preparare il latte artificiale fuori casa. Anche se di solito usi il latte in polvere, per il viaggio puoi decidere di utilizzare il latte liquido, così dovrai solo farlo scaldare in un bar in aeroporto o a bordo dell’aereo (il latte per neonati non è soggetto alle limitazioni relative ai liquidi a bordo).

Se il bambino è già svezzato tieni conto che sotto i due anni di solito non ha inclusi il pranzo o la cena, a meno che tu non abbia prenotato un posto a sedere anche per lui. In ogni caso, è sempre meglio portare qualcosa da casa, scegliendo tra gli alimenti che gli piacciono di più e che non hanno bisogno di essere conservati in frigo (ad esempio, biscottini, crackers, composte di frutta, una banana, ecc.).

Come passare il tempo in aereo con i neonati

Soprattutto per i viaggi lunghi con i bambini di almeno un anno, organizzati con giochi e cose da fare, cercando allo stesso tempo di ottimizzare lo spazio a disposizione nel bagaglio a mano.

Ad esempio, puoi portare libri, giornalini, quaderno e pastelli per disegnare, stickers, il pupazzo preferito. Se porti con te un tablet o un computer non dimenticare di caricare qualche video con i suoi cartoni animati preferiti.

Dormire in aereo

Nei viaggi lunghi con neonati e bimbi piccoli è molto importante avere la culletta. Se il tuo bimbo pesa più di 10-12 chili pur avendo meno di due anni, dovrai farlo dormire in braccio oppure valutare di acquistare un posto a sedere anche per lui.

A bordo ti daranno una coperta anche per il bambino, ma se puoi porta il sacco nanna: il piccolo starà al calduccio e sarà più comodo anche nel caso tu debba tenerlo in braccio.

Prima dell’atterraggio

Il momento in cui l’aereo inizia a perdere quota prima di atterrare è spesso il più difficile di tutto il viaggio, perché il bimbo può sentire dolore alle orecchie a causa del cambio di pressione.

Per attutire il dolore allatta il bimbo oppure offrigli un biberon con latte o acqua, in modo che deglutisca. Anche il ciuccio può essere di grande aiuto.

Cerca inoltre di distrarlo con qualcosa di divertente o nuovo, come ad esempio un giornalino o un libretto che non ha ancora mai visto.

Il battesimo dell’aria

Molte compagnie hanno una specie di diploma da compilare in occasione del primo volo con i dati del bambino e da far firmare dal pilota. Puoi cercare sul sito e portare la stampa a bordo con te, sarà un ricordo simpatico del vostro primo volo insieme!

Buon viaggio!

Se ti piace viaggiare con i tuoi bambini e sei in cerca di ispirazione e indicazioni utili, ti consiglio il libro Bimbi e Viaggi. la guida completa per viaggiare sereni con i bambini.