Imparare a prendere appunti è molto utile per studiare e lavorare meglio, ottimizzare il tempo a disposizione ed essere più produttivo.

Ecco di seguito alcuni consigli per prendere appunti in modo efficace.

Dividi la pagina in quadranti

Per prima cosa organizza lo spazio a disposizione nella pagina, dividendolo in quadranti all’interno dei quali registrare diversi tipi di informazioni (ad esempio, note, to do’s, domande, ecc.).

Il Metodo Cornell

Un sistema molto popolare per organizzare gli appunti nella pagina è il Metodo Cornell (in inglese, Cornell Notes system o Cornell Method), ideato negli anni cinquanta da un professore della Cornell University per aiutare gli studenti a prendere appunti in modo efficace durante le lezioni e agevolare lo studio.

Il metodo può essere facilmente adattato anche per altre esigenze, ad esempio per prendere appunti durante una riunione di lavoro o per sintetizzare un libro.

Il formato indicato per organizzare gli appunti secondo il Metodo Cornell è il seguente: dividi la pagina in due colonne, la prima larga indicativamente un terzo e la seconda due terzi, e lascia uno spazio sotto ad entrambe, alla fine della pagina, di circa 5-7 righe.

Nella colonna principale scriverai gli appunti durante la lezione o la riunione, mentre quella più piccola ti servirà dopo per aggiungere riflessioni, domande e osservazioni di vario tipo.

Nello spazio alla fine della pagina, invece, potrai inserire un breve riassunto dei concetti principali.

appunti

Come scrivere gli appunti

  • Numera le pagine prima di iniziare, così se serve avrai la possibilità di inserire riferimenti tra un foglio e l’altro.
  • Inserisci data, titolo e altre informazioni che potranno esserti utili (ad esempio, nome del relatore, persone presenti alla riunione, ecc.).
  • Non trascrivere parola per parola, ma sforzati di sintetizzare il ragionamento e i concetti principali con parole tue.
  • Usa frasi corte e semplici per rendere gli appunti più chiari .
  • Cura anche l’impaginazione, ad esempio inserendo titoli e sottotitoli esplicativi, e lascia spazio sufficiente tra le righe che ti potrà essere utile successivamente per aggiungere eventuali integrazioni.

L’uso dei simboli

Utilizza i simboli per distinguere a colpo d’occhio i diversi tipi di contenuto, ad esempio:

  • un puntino, per le cose da fare
  • un asterisco, per segnalare un concetto o un’azione importante
  • una freccetta, per gli aspetti da approfondire successivamente o le idee che ti vengono in mente
  • un punto di domanda, per gli aspetti da chiarire

Un ultimo consiglio!

Per finire, un ultimo consiglio: per i tuoi appunti scegli un bel quaderno e una buona penna! Sono piccoli dettagli che possono fare la differenza e invogliarti a fare le cose bene.