Press enter to see results or esc to cancel.

Come essere organizzati usando il bullet journal

Organizzarsi bene è fondamentale per riuscire a portare a termine gli impegni, non dimenticare nulla e raggiungere anche i propri obiettivi di medio lungo-periodo, che rischiano di essere trascurati correndo dietro alle urgenze del momento.
Usare bene l’agenda è un modo molto efficace per essere organizzati, ne abbiamo già parlato in Come diventare ordinati usando l’agenda e Come organizzare l’agenda. Oggi ti parlerò del bullet journal, una specie di agenda molto personalizzata.

Sempre attenta a nuovi metodi per migliorare l’organizzazione, qualche settimana fa mi sono imbattuta nel bullet journal. In realtà avevo già visto il video di presentazione circa un anno fa, ma all’epoca non usavo ancora l’agenda cartacea e mi aveva colpito soprattutto l’immagine, con il quadernino nero essenziale e le parole scritte vicine e in piccolino… Dal punto di vista pratico però mi era sembrato poco efficace, dovendo scrivere tutto a mano partendo da un semplice quaderno.
Forse i tempi non erano ancora maturi per me, questa volta invece la logica alla base del bullet journal mi ha conquistato, in particolare per la possibilità di crearlo davvero in base alle proprie esigenze, tenendo insieme tutti gli aspetti da organizzare per non perdere più nulla per strada e avere chiaro il quadro della situazione in qualunque momento.

Che cos’è il bullet journal
Nella pratica, il bullet journal è un semplice quaderno su cui registrare diverse cose:

– azioni (rappresentate con un puntino), ossia i compiti che dobbiamo svolgere
– eventi (rappresentati con un cerchietto), cioè gli impegni di varia natura
– note (rappresentate da una linea), cioè i fatti, le idee e i pensieri da ricordare ma che non richiedono un’azione precisa

Azioni, eventi e note sono poi organizzati all’interno di un sistema flessibile per consentirti un’efficace pianificazione annuale, mensile e giornaliera.
Oltre alle pagine legate alla pianificazione vera e propria, puoi creare tutte le sezioni che desideri per tracciare gli aspetti che ti interessano (ad esempio: film visti, regali fatti, citazioni preferite, liste di vario tipo, ecc.) o pianificare progetti complessi (ad esempio: ristrutturazione casa, ricerca nuovo lavoro, obiettivi di lungo periodo che vuoi raggiungere, ecc.).

Visita il nuovo sito Bulletjournal.it e segui la pagina Facebook dedicata

Un’agenda senza i giorni!
Nel bullet journal non ci sono le pagine con i giorni precompilati come nelle agende tradizionali, perché sei tu che componi la tua agenda in base a quello che devi fare e ricordare, e proprio questa flessibilità è secondo me il suo punto di forza ma anche l’aspetto che all’inizio può spaventare.
Il metodo del bullet journal può sembrare complicato o difficile da applicare, con la procedura da seguire e un po’ di gergo e simboli con cui familiarizzare. Dovrai perderci un po’ di tempo per capire come funziona e come adattarlo alle tue esigenze, ma ti assicuro che ne varrà la pena! Proverai una sensazione di libertà e controllo allo stesso tempo che ti aiuterà nella gestione delle incombenze quotidiane e nei progetti a medio-lungo termine.

Se ti ho incuriosito e vuoi provarci anche tu, continua a leggere su Come creare un bullet journal.

Comments

Leave a Comment

Sono progetti di maneiro.co 2014 - 2018 | IT04145570265