Non ho nessun problema a farmi un selfie mentre pulisco casa, anche perché ne vado fiero. Io e Lucia abbiamo deciso che a casa nostra ci arrangiamo da soli con le pulizie, trovando molte soddisfazioni anche se la cosa è impegnativa.

Aspettando il terzo bambino le cose devono essere organizzate molto bene affinché tutto ci permetta di lavorare, allenarci e dedicarci ai bambini. E quando dico allenarci non parlo solo di me, Lucia dopo la gravidanza preparerà la sua prima gara, una gara a ostacoli tipo Spartan Race, sono sicuro che taglierà il traguardo.

Ma tornando alla casa, scrivere su Come fare le cose è un compito che richiede ore di ricerca e lettura, abbiamo iniziato proprio per imparare “Come fare” molte cose e abbiamo voluto condividere la nostra esperienza.

Nelle ricerche Lucia ha trovato interessanti siti e gruppi su Facebook italiani e americani dove la gente si confronta sulle pulizie di casa. Dalle signore che cambiano le lenzuola ogni giorno a quelli che non puliscono mai e si trovano bene, non posso immaginare.

Io ho un approccio personale imparato quando ero ragazzino insieme a mia madre, lo ricordo perché è stato uno dei miei primi lavori.

Ecco l’approccio generale:

1. Spolverare dall’alto verso il basso. La pulizia deve essere iniziata dall’alto, in questo modo la polvere cade e la togliamo quando passiamo la parte bassa.

2. Non avere troppe cose appoggiate per terra, che diventano nascondigli per la polvere. Noi abbiamo deciso di avere il minimo indispensabile. Quando la casa è arredata con troppe cose rimane poco spazio per muoversi, e pulire risulta più difficile.

3. Non devi fare tutto in un colpo solo. È vero che potresti trasportare lo sporco dalle zone non ancora pulite a quelle già a posto, ma ci sono compiti, tipo lavare i vetri, che possono essere fatti separatamente.

4. Usare dei contenitori. Per pulire il bagno, ad esempio, sposto utensili e cose varie sui contenitori di plastica e così posso pulire le superfici velocemente. Dopo controllo ogni oggetto e lo rimetto al suo posto.

5. Passare velocemente per terra una volta al giorno, per evitare di accumulare polvere. Noi abbiamo preso anche due robot, beh, in realtà quello che aspira (Roomba) è stato un regalo di mia suocera, mentre quello che lava (Braava) l’abbiamo preso noi e devo dire che sono davvero un grande aiuto.

6. Avere un approccio “easy”: se un giorno non puoi pulire non ci sono problemi. Questo aiuta a poter gestire altre cose e trovare poi il tempo giusto per fare i lavori di casa. Con i bambini è meglio rispettare gli orari ma ci sono anche i fuori programma, dobbiamo essere sempre pronti e soprattutto restare calmi. 🙂

7. Usare i profumi. Per me, pulire la casa e non sentire odore di pulito è come non pulire la casa. Cerco sempre di far vedere e anche sentire dove ho pulito. Nei mesi in cui i termosifoni sono accesi ti consiglio di versare qualche gocciolina di olio essenziale di lavanda nell’acqua dei deumidificatori, è molto piacevole e dicono che aiuti a dormire meglio!

Ti posso garantire che non sono cose scontate, conosco signore che di lavoro fanno le pulizie e che ignorano completamente le regole del pulire bene… beh, lo fanno per soldi mentre io lo faccio per amore della mia casa e della mia famiglia.