Press enter to see results or esc to cancel.

Come usare il Kakebo, il metodo giapponese per imparare a risparmiare

Il Kakebo è il “Libro dei conti di casa a cui i giapponesi affidano il proprio budget personale”. Il Kakebo è uno strumento molto usato in Giappone ma ancora poco conosciuto in Italia, infatti il primo Kakebo in italiano è stato stampato in agosto 2014.

Ha ancora senso proporre uno strumento su carta per tenere traccia delle spese, anziché un foglio elettronico o un’App? Forse sì, in fin dei conti molte persone usano ancora l’agenda di carta e prendono appunti sul bloc notes (e penso che adoreranno il Kakebo!).
I giapponesi sono un popolo affascinante quindi ho deciso di fidarmi: ho comprato il mio primo Kakebo per saperne di più e sono rimasta piacevolmente colpita.

Il Kakebo è una specie di agenda che ha l’obiettivo di guidarti nella gestione delle tue finanze personali. Non solo registrazione di entrate e uscite, quindi, ma un diario che ti aiuterà a riflettere, per imparare a risparmiare e a migliorare la gestione delle tue finanze.

Tenere un Kakebo evita lo stress da cattiva gestione finanziaria, sviluppa l’autodisciplina e la conoscenza di sé. I giapponesi lo considerano uno strumento che favorisce la tranquillità dell’anima e libera energie mentali.

Vale la pena provarci, no? Ecco come funziona:

All’inizio del mese: pianifica
Inizia mettendo le carte in tavola, cioè indica da cosa parti e che cosa ti aspetti.

Cosa fare:

image

  • registra le entrate e le uscite fisse (ad esempio rata del mutuo o canone di affitto, costo del telefono, ecc.). La differenza è la cifra di cui disponi fino alla fine del mese
  • fissa gli obiettivi del mese (ad esempio, iniziare a mettere da parte una piccola cifra per le vacanze estive, ecc.)
  • definisci le tue promesse del mese (ad esempio, fare benzina dal benzinaio più economico, ecc.)
  • ipotizza il risparmio previsto per il mese

 

Durante il mese: registra
Il Kakebo contiene un calendario. Ogni colonna corrisponde a un giorno, mentre le righe rappresentano le categorie della spese: spese di sopravvivenza (spese indispensabili per alimentazione, salute, trasporti), optional (costi legati al tempo libero), cultura (arricchimento culturale e fisico), extra (emergenze, oggetti di lunga durata).

Cosa fare:

image

  • ogni giorno registra il tipo di spesa e l’importo dentro alla relativa casella, e poi fai il totale del giorno
  • alla fine della settimana segna i totali della settimana, suddivisi per categoria

 

Alla fine del mese: fai il bilancio
La fine del mese è il momento per fare il bilancio, non solo in termini numerici ma anche riguardo gli obiettivi e le promesse definite all’inizio del mese; in pratica, un’occasione per riflettere sulle tue abitudini e sul tuo modo di spendere.

Cosa fare:

image

  • compila i totali delle spese per settimana e per categoria
  • confronta quanto hai speso con la somma che avevi a disposizione, per capire se sei riuscito a risparmiare oppure se hai sforato rispetto al budget
  • rifletti su promesse e obiettivi, su cosa ha funzionato e cosa no

Alla fine dell’anno: fai il consuntivo annuale
Come il bilancio mensile, il consuntivo annuale non è fatto solo di numeri, bensì è il momento per trarre insegnamenti utili per l’anno nuovo.

Cosa fare:

  • compila i grafici con le entrate e le uscite, il risparmio previsto ed effettivo
  • compila i totali delle uscite per categoria
  • compila il questionario finale: valutazioni sull’anno trascorso, progressi fatti, difficoltà riscontrate, ecc.
  • rifletti sui totali e sulle risposte al questionario, per trarre informazioni utili per l’anno successivo

Sembra interessante, vero? Non ti resta che provarci! Puoi acquistare il tuo Kakebo online, lo riceverai in un paio di giorni e sarai pronto a partire!

Puoi leggere anche:
Come scegliere il kakebo: confronto tra le 3 edizioni

Comments

Leave a Comment

Sono progetti di maneiro.co 2014 - 2018 | IT04145570265