Come vendere le tue creazioni online - Come fare le cose

Come vendere le tue creazioni online

Se sei appassionato di bricolage o fai lavori di artigianato, a maglia, all’uncinetto, a punto croce o altro potresti guadagnare qualcosa vendendo online le tue creazioni.

I siti per vendere online

Puoi vendere online i tuoi lavori tramite diversi siti, qui di seguito quelli più utilizzati.

Etsy

Nato nel 2005, Etsy è uno dei siti più conosciuti a livello internazionale per la vendita di prodotti artigianali e oggetti vintage (vecchi di almeno 20 anni), con una community composta da 30 milioni di compratori e imprese creative.

L’iscrizione e l’apertura di un negozio su Etsy sono gratis. Ogni inserzione costa €0,18 al momento della pubblicazione e dura 4 mesi o fino a quando l’oggetto viene venduto. In caso di vendita, la tariffa è del 5% sul prezzo di vendita, oltre a 4% + €0,30 per la gestione del pagamento.

etsy

eBay

Sicuramente lo conosci già, è il sito di aste online più famoso al mondo. Ha tantissimi visitatori ogni giorno ma è generalista quindi non è detto che sia il posto più adatto dove vendere le tue creazioni.

Puoi inserire i tuoi annunci in modalità asta oppure, se rispetti determinati requisiti, con un prezzo fisso (“Compralo subito”).

È prevista una tariffa di inserzione in base al prezzo di partenza e una commissione sul venduto. Per i dettagli puoi consultare la sezione tariffe del sito eBay.

ebay

I dettagli da curare per vendere online

In qualunque sito tu decida di vendere le tue creazioni, ricorda di fare attenzione a una serie di dettagli importanti:

Le fotografie
Cura le foto dei prodotti, cercando di valorizzarli al massimo usando una bella luce e uno sfondo neutro. Se è importante vedere l’oggetto da diversi punti di vista per coglierne i dettagli, scatta e carica più foto.

La descrizione
Scrivi una bella descrizione dell’oggetto, racconta la storia che c’è dietro, che cosa ti ha spinto a crearlo, se hai usato dei materiali particolari, ecc.

Il negozio
Scegli un nome che ti identifichi e sia facile da ricordare; se è possibile, personalizza anche con una foto o con il logo, per dare un’immagine di professionalità.

Il prezzo
Per definire il prezzo dell’oggetto che stai mettendo in vendita puoi dare un’occhiata a quello di prodotti simili, tenendo conto anche dei tuoi costi e tempi di produzione. Ricorda che il prezzo giusto è quello che le persone sono disposte a spendere, e soprattutto all’inizio potrebbe essere più basso di quello che ti aspetti. Se è comunque un prezzo per te accettabile, inizia a vendere e a costruirti la reputazione all’interno del sito, poi eventualmente potrai valutare se vendere a un prezzo più alto.

Passaparola!
Utilizza i canali dove sei attivo (ad esempio, Facebook o il tuo blog) per segnalare le tue inserzioni e incoraggiare altre persone a condividerle, aumenterai così le visite e le possibilità di vendita.

Il rapporto con i clienti
Cerca di rispondere in tempi rapidi e in modo cordiale ed esauriente ad eventuali domande, esegui con cura la spedizione, ecc. Se possibile chiedi un feedback ai tuoi acquirenti, potrai avere indicazioni utili per le tue prossime vendite!

Finanze autore: Lucia 05 Set 2014

Vedi anche

Come diventare un piccolo porco capitalista

Alcuni consigli tratti dal libro “Piccolo porco capitalista: Se non lo fai tu, qualcun altro grufolerà nel tuo denaro” di Sofía Macías, una specie di manuale per imparare a risparmiare e a far fruttare meglio il tuo denaro.